I “bravi cittadini”

In Germania e in Austria  una serie di leggi liberali avevano mitigato il tradizionale antisemitismo nel Nord-Est dell’Europa e ciò aveva fatto sperare nella possibilità di un’integrazione degli ebrei nel mondo tedesco.

…occorre prendere atto che molti intellettuali, fino al 1935, avevano sinceramente sottovalutato le conseguenze dell’antisemitismo. Anche i fratelli di Flora lo avevano fatto, certi che l’aver servito la patria sotto le armi avrebbe garantito loro il rispetto dei nazionalsocialisti e si ostinavano a rimanere ad Amburgo nonostante le pressioni della sorella.      Vietri sul Mare                                                                                                                  Molti intellettuali e artisti si sono già affrettati a lasciare la Germania. Attorno a Flora si riuniscono profughi, incantati dallo scenario della Costiera e incuriositi da un mondo molto diverso da quello che hanno lasciato e che non conosce l’ostilità e l’odio nel quale sta precipitando l’Europa. A Vietri tutto sembra tranquillo.

Nei caffè di Berlino correva la vita e correvano le idee, ma correva anche più veloce il pericolo dell’annientamento e dell’umiliazione. In riva al mare di Vietri tutto era immobile ma tutto sembrava avere un posto legittimo, una sede naturale benedetta da quel cielo azzurro maestoso che non lasciava spazio a nebbiose fantasie di supremazia razziale.

In casa di Flora trova rifugio anche il figlio della sorella Grete, Hermann Hoppenheim; altri familiari si preparano a partire per l’ America. In Italia gli ebrei sono fiduciosi: Mussolini ha dichiarato che in Italia non ci sarà mai una “questione ebraica” e poi c’è la Chiesa di Roma che, si pensa, terrà lontano l’odio presente nel Nord Europa.

Ceramiche ICS

Vietri in questi anni sta vivendo un momento di grande splendore turistico.

I contrasti violenti dei colori del mare e delle montagne, la luce abbagliante del cielo meridionale già greco (Paestum a un tiro di schioppo) attiravano turisti più estetizzanti, soprattutto gli artisti che da quella bellezza estenuante prendevano forza per inoltrarsi nei difficili viaggi interiori. Hitler e Mussolini a Roma, 1938

Ma la visita di Hitler nel maggio del 1938 alimenta i presentimenti in Flora che vede scendere a sud la marea dell’antisemitismo. Purtroppo, il successo della ICS coincide con l’inizio delle persecuzioni razziali. Il Duce, con il Regio Decreto del 7 settembre di quello stesso anno accetta gli aspetti più odiosi della politica nazista. Gli ebrei non possono più risultare proprietari di esercizi commerciali, industrie e beni immobili. Molti negozi sono obbligati alla chiusura o alla liquidazione.

I “bravi cittadini” italiani intravidero una possibilità di fare affari rilevando gli esercizi commerciali degli ebrei, gli studi commerciali e persino le cattedre accademiche. Furono proprio gli intellettuali e gli accademici delle università i più solerti nella delazione contro gli ebrei, con i quali avevano convissuto fino ai mesi precedenti e dei quali potevano prendere facilmente il posto senza dimostrare le stesse competenze.

Vaso MACS

Max e Flora lottano strenuamente mettendo in atto una serie di strategie non di fuga ma di mimetizzazione del patrimonio convinti che la burrasca passerà presto. Viene cancellata la ICS e costituita la MACS ma, alla fine, ogni loro sforzo risulterà inutile.

Solo oggi, grazie ai documenti sopravvissuti e alle testimonianze dei pochissimi uomini di quella stagione ancora in vita, si riesce a ricucire il filo della storia, sepolto dalla pigrizia e poi dalla leggenda di una colonia “tedesca” venuta a giocare con la creta in riva al mare mentre l’Europa andava in frantumi.         

++++++

Antonio Forcellino, La ceramica sugli scogli. La storia cancellata di Max e Flora Melamerson

Informazioni su Velia Loresi

I love Israel
Questa voce è stata pubblicata in ANTONIO FORCELLINO, La ceramica sugli scogli. La storia cancellata di Max e Flora Melamerson. Contrassegna il permalink.