Prepàrati

Il piccolo Aldo viene accolto a Cavaglià a nord est di Torino, nel canavese, nel collegio diretto da monsignor Cavasin, assieme a bambini disagiati provenienti da famiglie di contadini della zona o con problemi dal punto di vista cognitivo; ci sono anche altri bambini ebrei. 

Cavaglià, si trova attualmente in provincia di Biella, sul tracciato della via Francigena.

Sulle pareti dei dormitori e dei corridoi Aldo può leggere  la scritta latina “Estote parati”

”Prepàrati!” mi gridavano i muri, a me che lì, nel Collegio, fuggivo dalla morte per strage. La “buona morte” mi venne incontro nel Canavese, la buona morte cristiana e contadina, la spiegavano i preti ai bambini e il 2 dicembre del 1943, appena giunto, compresi di essere in esilio allorché seppi che la buona morte è lenta in piena coscienza, che ai dolori dell’agonia unisce il pentimento dei peccati di tutta la vita, la misera e faticosa vita, e si compie finalmente, fra rantoli e singhiozzi, dopo l’assunzione dei Sacramenti: Confessione, Eucaristia, Estrema Unzione e via giù giù come perdurando.

 Don Vittorio Cavasin 

Tuttavia, don Cavasin non cerca con insistenza di convertire i bambini, solamente li aiuta ad apprendere i rudimenti del cristianesimo in modo che possano confondersi tra gli altri ed essere più efficacemente protetti.  Ho letto di queste vicende nell’ articolo di Alice Fubini “Aprirono le porte, a loro rischio. Due preti piemontesi tra i Giusti” pubblicato su Attualità il ‍‍20 novembre 2015: ritrovo leggendo il cardinale Maurilio Fossati e il suo segretario monsignor Barale. A quest’ultimo si rivolgevano le famiglie ebraiche che chiedevano protezione per i propri bambini ed era lui che aveva l’ incarico di accompagnarli a Cavaglià.

Anche di queste persone non avevo mai sentito parlare; so, ora che don Vittorio Cavasin e monsignor Barale sono stati riconosciuti nel 2015 “Giusti tra le Nazioni” dalla commissione guidata dalla Corte Suprema di Israele  nel 2015.  

Aprirono le porte, a loro rischio
Due preti piemontesi tra i Giusti

Schermata 11-2457347 alle 11.17.54Consegna a Rivoli della medaglia di “Giusto tra le nazioni” alla memoria di monsignor Vincenzo Barale e don Vittorio Cavasin, protagonisti entrambi del salvataggio di oltre sessanta bambini ebrei che furono nascosti assieme a loro coetanei cattolici nel collegio salesiano di Cavaglià.
Monsignor Barale era segretario del cardinale Maurilio Fossati, all’epoca arcivescovo di Torino, il quale aveva già esternato la sua disponibilità ad ospitare gli sfollati. Di qui la scelta estrema di alcune famiglie ebraiche che si videro costrette, per mancanza di altre risorse, ad affidare i propri figli all’arcivescovado, nella speranza che sfuggissero ai rastrellamenti. Monsignor Barale era appunto la figura cui dovevano rivolgersi le famiglie ebraiche che facevano richiesta di protezione. A lui inoltre spettava il compito di accompagnare personalmente i bambini al collegio di Cavaglià, il cui rettore era don Cavasin. Quest’ultimo rivestiva l’importante compito di fornire ai bambini ebrei i rudimenti base e i rituali del cattolicesimo, in modo tale da rendere evidente la loro assimilazione con gli altri, rendendo così più efficace e sicuro il tentativo di proteggerli.
Questa ‘assimilazione’ era del tutto simbolica, anzi l’unico intento era far sì che i bambini ebrei apparissero uguali a quelli cattolici. Lo stesso don Cavasin limitava al minimo indispensabile la loro partecipazione personale ai sacramenti. Come è stato ricordato nel corso della cerimonia quest’aspetto, che può sembrare all’apparenza marginale, conferisce invece valore inestimabile a un comportamento già di per sé onorevole, per il semplice fatto che altri membri della Chiesa che si offrirono di proteggere e nascondere gli ebrei avevano come finalità anche la “salvezza delle loro anime”, propendendo quindi per la loro conversione (anche attraverso forti pressioni psicologiche).
Alla cerimonia, convocata dall’amministrazione cittadina e dall’associazione culturale La Meridiana, hanno preso parte tra gli altri il sindaco Franco Dessì; il ministro consigliere dell’Ambasciata d’Israele in Italia Rafael Erdreich; Mario Iona, membro dell’associazione culturale La Meridiana; un testimone diretto della vicenda, allora bambino, Roberto Zargani, e alcuni parenti dei salvatori; Maria Caterina Succi, nipote di monsignor Barale; e Paolo Cavasin, nipote di don Cavasin. In sala anche il presidente della Comunità ebraica torinese Dario Disegni.
La cerimonia si apre con l’esecuzione dell’inno dello Stato d’Israele, seguita da quella dall’inno italiano. A prendere per primo la parola è il padrone di casa, Dessì: “Queste due figure di cui oggi siamo qui a premiare l’operato appartengono a una resistenza specifica, quella civile, contro l’involuzione morale ed etica veicolata dal fascismo. Più che giusti tra le nazioni – le sue parole – sono da considerare giusti tra gli uomini”.
Segue l’intervento di Erdreich, che si riferisce ai ‘Giusti’ come a dei portatori di un’umanità nella sua forma più nobile: cioè l’offerta di aiuto a rischio della propria vita.
Iona ricostruisce invece il contesto e la vicenda che vede coinvolti i due Giusti, ricordando in specifico come sia monsignor Barale che don Cavasin abbiano agito nel massimo rispetto per la vita e per la religione dei bambini ebrei.
Mette poi in luce un altro aspetto, altrettanto meritevole, e cioè la riservatezza che hanno entrambi riservato al loro operato nel dopoguerra, non tanto da imputare alla paura di raccontare, quanto più ad una totale assenza di vanità. Sarà poi il nipote di don Cavasin a ricordarne il carattere schivo, unito però a una profonda responsabilità verso i giovani.
A questi interventi segue quello di Roberto Zargani, testimone diretto degli eventi assieme al fratello Aldo, che in preda ad una forte emozione riporta alla luce frammenti di memoria di quando era bambino. Frammenti solo apparentemente sbiaditi a causa del tempo: “Eravamo bambini, ma sapevamo cosa stava succedendo”. Ricorda le inferriate del collegio, che attraverso gli occhi del Roberto bambino avevano l’aspetto di una prigione, più che di un luogo di salvezza. Ricorda quel momento come uno dei più tristi e tremendi perché sanciva la definitiva separazione dai genitori, ma allo stesso tempo fa capolino nella memoria il tentativo di don Cavasin di farli ballare, nella debole speranza di indurli a smettere di piangere.
Maria Caterina Succi, anche lei bambina all’epoca delle leggi razziste, parla dei Giusti come di coloro che si distinguono per “un senso assoluto di fermezza tra le macerie materiali e morali dell’epoca, che andava al di là di ogni tipo di appartenenza”.Alice Fubini(20 novembre 2015) 

Durante le lezioni dei Salesiani una raccomandazione viene frequentemente ripetuta ai piccoli allievi; “Non rinunciate, per un attimo di piacere, al godimento eterno!” Aldo si sta abituando, dal suo arrivo in collegio, ai geloni, alle croste infettate, alla testa rapata. Mangia poco e male, si sveglia alle cinque e alle otto di sera è con i compagni già in camerata. Il freddo è atroce. I genitori vengono a trovarlo, quando possono, solo di giovedì.  

Il godimento eterno sapevo benissimo che era il Paradiso, fin da quando al parco del Valentino, nel 1938, un gruppo di bambini, scoperta la stella di Davide che portavo imprudentemente ancora al collo, mi aveva informato, senza astio né condanna, che quei futuri piaceri mi erano preclusi: “…tutt’ al più te ne andrai al Limbo”.

Quello che gli è oscuro è il significato di “attimo di piacere”.

Cominciai a chiedere ai compagni di Collegio dove e come si poteva provare in quel luogo un attimo di piacere ma neppure loro lo sapevano, oppure rispondevano con doppi sensi elusivi, dei quali non capivo né l’ uno né l’ altro.

++++++++++++

Alberto Zargani, Per violino solo. La mia infanzia nell’ Aldiqua. 1838-1945

Informazioni su Velia Loresi

I love Israel
Questa voce è stata pubblicata in ALDO ZARGANI, Per violino solo. La mia infanzia nell' Aldiqua. 1938-1945. Contrassegna il permalink.