Perché tutta questa tristezza?

Primavera del 1967. Terminato il servizio militare, Yoni decide di trattenersi ancora un poco in Israele, rimandando la partenza per Harvard.

Yonathan Netanyahu

Nonostante tutto sono felice di non essere partito per gli Stati Uniti e di essere rimasto qui. Se succedesse qualcosa, voglio essere in Israele, e non all’estero. Penso che se mi fossi trovato in America in questo momento, sarei impazzito.

Non preoccupatevi e iniziate a sorridere. Per amor del cielo, perché tutta questa tristezza?

In realtà, la preoccupazione dei genitori del ragazzo è ben giustificata: il leader egiziano Nasser ha bloccato gli stretti di Tiran, impedendo così la navigazione della marina di Israele. L’esercito egiziano invade la penisola del Sinai assieme a soldati iraniani, giordani e iracheni. Lo stato ebraico, nel silenzio quasi totale delle altre nazioni, è sotto assedio. Yoni viene richiamato.

Mar Rosso. Stretto di Tiran visto dal satellite

5 giugno 1967: scoppia la guerra. Il giovane, come ufficiale riservista dei paracadutisti, partecipa a molte battaglie, compresa quella decisiva di Um-Katef. In una lettera alla fidanzata Tutti, scrive:

In circostanze normali si potrebbe anche dire che sto molto comodo. Sono disteso in una buca del terreno e qualche centimetro sopra di me la rete mimetica sta ondeggiando. È fresco qui nella terra, specialmente con la rete che nasconde il sole. Se non ci fosse stata la guerra, se non dovessi uscire e uccidere, se non fossi solo, senza di te, sarebbe bello stare qui. Fatta eccezione per un cardo, questo è il fiore che mi è più vicino. Probabilmente si disferà prima di raggiungerti. Ti amo

Battaglia di Um-Katef

Quando la guerra sta ormai per finire, Yoni viene colpito al gomito da una scheggia e deve essere operato.

Amati mamma, papa e Iddo, la guerra è finita! Così tanta gioia, mescolata alla tristezza, ci travolge. Come è bello che tutto sia calmo adesso. Non è piacevole correre tra pallottole che ti sfrecciano a fianco e bombardamenti, per poi combattere ancora e ancora. Adesso sto ascoltando musica, con Tutti accanto.

Six-days war. Aereo arabo abbattuto presso l’aeroporto di El Arish

Yoni Nethanyahu sarà congedato come ufficiale disabile.

Isola di Senafir, nello Stretto di Tiran

+++++++++++++++

Yonathan Netanyahu, Lettere (con Introduzione di Michele Silenzi)

 

Informazioni su Velia Loresi

I love Israel
Questa voce è stata pubblicata in YONATHAN NETANYAHU, Lettere (con Introduzione di Michele Silenzi). Contrassegna il permalink.