Un verbo riflessivo

Penso adesso che l’ umorismo in fondo è concausa della claudicanza: decentra, spiazza. Non è il riso sguaiato di chi ride perché gode nel rovesciarti in faccia l’ ineluttabilità del tuo destino. Per il popolo selenico d’ Israel ridere non è un verbo transitivo, non si ride mai dell’ altro, ma riflessivo. Si ride sempre di sé.

Haim Baharier ha tenuto a Roma, al teatro piccolo Eliseo diretto da Luca Barbareschi, una serie di 6 lezioni di esegesi biblica: Eva, Adamo e la mela, Mio fratello Caino è figlio unico, L’Arca di Noè, un vascello al posto della parola, La Babel Tower, Isacco non è un caprone, Giacobbe o la strategia della lenticchia.

Il sorriso nasce da una contraddizione interna che l’ abilità di chi racconta storielle riesce a proiettare e camuffare negli altri.

+++++++++++++

Haim Baharier, La valigia quasi vuota

 

Informazioni su Velia Loresi

I love Israel
Questa voce è stata pubblicata in HAIM BAHARIER, La valigia quasi vuota. Contrassegna il permalink.