Invincibili soldati del mondo

Subito dopo la Seconda Guerra mondiale, tra i reduci dei campi di concentramento nascono pochi figli, uno, al massimo due.

I concentrazionari concentravano: bocche sparute per tutto ciò avevano o avrebbero guadagnato. Soldi, cultura, studi, per invincibili soldati del mondo, mai più remissivi al destino.

I nazisti s’inebriavano di eugenetica d’assalto, isolare il positivo ed eliminare il negativo; tra i reduci, inconsapevolmente, ci si cimentava in un sogno diametralmente opposto: il riscatto della scoria.

A strappare questo progetto latente dall’inconscio contribuì di certo Chouchanì; lo rese visibile e lo mutò: da reazione istintiva, da riflesso condizionato, a possibile orizzonte.

+++++++

Haim Baharier, La valigia quasi vuota

Informazioni su Velia Loresi

I love Israel
Questa voce è stata pubblicata in HAIM BAHARIER, La valigia quasi vuota. Contrassegna il permalink.