Nonsense

Tutte le falsità raccontate sul popolo ebraico, le bugie, i discorsi antisemiti, in realtà descrivono, per Daniel J. Goldhagen, un popolo mai esistito.

Beginning with the obvious, Jews are human beings. As with any large religious, ethnic, or national group, they are of different ages and sexes, from different families, different towns, different cities, regions, even different countries, making their livings in different ways occupying different professions, existing within different communities, cultures, and political and economic systems, having different politics, different levels of religiosity and attachments to being Jews.

Tutto questo rende il pregiudizio antisemita del tutto assurdo poiché non è possibile attribuire agli ebrei una relativa costanza e omogeneità di carattere e tendenze se si tiene conto delle enormi distanze temporali e geografiche.

come-osi-difenderti

How dare you defend yourself?

Ciò che unisce gli ebrei è una forte determinazione (nonostante i tentativi degli altri popoli di eliminarli, convertirli al cristianesimo o al giudaismo e, nel caso dell’Unione Sovietica, di privarli della loro identità ebraica) a rimanere ebrei, assieme alla  capacità di risollevarsi quando si sono trovati sottoposti ad un forte potere sociale, politico, culturale e quando sono stati espulsi dalle terre nelle quali vivevano: essi rappresentano più di un semplice gruppo religioso e molto di più di un gruppo etnico.

La Bibbia parla degli ebrei come  Am Yisrael, Popolo di Israele, divenuto poi Nazione di Israele, sull’antica terra di Israele e con capitale Gerusalemme.

La diversità degli ebrei, nel tempo e oggi, rende ogni tentativo di trovare un comune denominatore, un’esercitazione assurda.

Antisemitism, grounded in reductionist views of Jews, has been and continues to be nonsense.

But sadly for Jews and for non-Jews, such nonsense has had world historically destructive consequences -and could again.

+++++++++++++

Daniel Jonah Goldhagen, The devil that never dies

the-devil-that-never-dies

Informazioni su Velia Loresi

I love Israel
Questa voce è stata pubblicata in DANIEL JONAH GOLDHAGEN, The devil that never dies. Contrassegna il permalink.