Aiuterà la gente a capire

Sedici giorni in treno soffrendo fame e sete, poi l’esperienza della prigionia a Auschwitz, Freiberg,  Mauthausen e, finalmente,  Helga e la madre possono rivedere Praga.

Desiderio per il compkeanno II Desiderio per il compleanno II (1943)

Ciò che desideravo di più: Tornare a casa a Praga.                                                       

 Nel dicembre 2011, Helga Weiss viene intervistata da Neil Bermel, trattengo per me solo tre piccoli frammenti della lunga intervista.

Neil-Bermel                                                                Neil Bermel

####

Ha descritto tutto questo che era una bambina. All’ epoca deve esserle apparso come un caos privo di senso, ma di certo aveva una rigorosa pianificazione alle spalle.

Esteriormente appariva davvero come un caos, invece si trattò di un’operazione studiata alla perfezione. Studiata dall’ inizio alla fine. Cominciò con piccole ordinanze per poi arrivare, in un crescendo, alla liquidazione finale.

Può raccontarmi qualcosa di ciò che le accadde dopo la guerra?

Per molto tempo cosa accadde dopo non importò a nessuno. La gente pensava: la guerra è finita e tutto è ok. Ma ovviamente non era affatto così e questa è un’altra epoca che bisognerebbe descrivere. Solo negli ultimi tempi la gente comincia a chiedere cosa accadde dopo. Tornammo da Mauthausen il 29 maggio [del 1945]. Arrivammo di notte, ci lasciarono ancora dormire da qualche parte, ma ecco che la mattina seguente ci dissero: “Siete liberi, andate a casa”. Ma non c’erano posti dove andare. E questo fu l’inizio.

In cosa pensa che consista il contributo del suo diario ? Perché dovremmo leggere un’altra storia sull’ Olocausto?

Principalmente perché è autentica. Naturalmente ci ho messo dentro anche il mio modo di sentire, ma penso che sia un modo di sentire emotivo, efficace e soprattutto autentico. E forse anche perché è tutto descritto in maniera seminfantile, dunque accessibile ed eloquente. Credo che aiuterà la gente a capire quel periodo.

Grazie per questo, Helga!

Helga Weiss 2++++++++++++++++

Helga Weiss, Il diario di Helga. La testimonianza di una ragazza nei campi di Terezín e Auschwitz

Il diario di Helga

Informazioni su Velia Loresi

I love Israel
Questa voce è stata pubblicata in HELGA WEISS, Il diario di Helga. La testimonianza di una ragazza nei campi di Terezín e Auschwitz. Contrassegna il permalink.