Il Palazzo delle Esposizioni

Nel dicembre del 1941, gli ebrei di Praga vengono trasferiti provvisoriamente nel Palazzo delle Esposizioni. Anche Helga con la famiglia, di mattina presto, vi si reca in tram.

Eccoci già piazzati accanto a un grande tavolo, davanti all’uomo che effettua la registrazione. “518, 519, 520”, papà comunica il nostro arrivo. Ci mandano a cercare i posti che ci sono stati assegnati.

Il Palazzo delle Esposizioni è già gremito di gente. Sul pavimento ci sono dei quadrati dipinti in bianco delle dimensioni di due metri. Su ciascuno è scritto un numero e qua e là si trovano cataste di materassi sporchi, impolverati. Finalmente arriviamo al posto contrassegnato con i nostri numeri di trasporto. Dalla catasta accanto prendiamo due materassi ciascuno e ci sediamo sopra. Siamo stanchi, sfiniti e affamati. Dal tascapane tiriamo fuori la merenda pronta e ci mettiamo a mangiare.

Il Mercato delle radio si sta riempiendo. Ognuno cerca il proprio posto, i propri materassi, i bagagli. Tento di individuare alcuni conoscenti che so essere nel nostro stesso trasporto e insieme ad alcune ragazze do una mano a distribuire i bagagli.

 Palazzo Veletržní (foto da Wikipedia) Palazzo Esposizioni Praga 1Palazzo Esposizioni Praga 2Palazzo Esposizioni Praga 3Il Palazzo Veletržní (Veletržní Palác), immensa struttura in cemento e vetro sorta a Praga nel 1928, era all’epoca il più grande edificio del suo genere nel mondo.

Dapprima destinato ad accogliere esposizioni industriali, divenne, sotto i nazisti,  campo di raccolta provvisoria per gli ebrei prima del loro trasferimento nei vari campi di concentramento.

I comunisti ne fecero un negozio riservato a persone di rilievo all’interno del Partito Comunista. Il Palazzo, incendiato nel 1974, ospita oggi la Galleria Nazionale e raccoglie opere d’arte moderna e contemporanea ceca e internazionale.

Helga Weiss restituisce, con i suoi occhi di ragazzina dodicenne, il ricordo di quei giorni in cui inizia a Praga la barbarie vergognosa della deportazione degli ebrei.

+++++++++++++++

Helga Weiss, Il diario di Helga. La testimonianza di una ragazza nei campi di Terezín e Auschwitz

Il diario di Helga

Informazioni su Velia Loresi

I love Israel
Questa voce è stata pubblicata in HELGA WEISS, Il diario di Helga. La testimonianza di una ragazza nei campi di Terezín e Auschwitz. Contrassegna il permalink.