Un’ordinanza che mi ha toccato moltissimo

Helga Weiss rilegge il diario scritto negli anni della sua infanzia, dal 1938 al 1945. Si tratta di un’altra testimonianza di quegli anni terribili e, nella dedica alle nipoti, l’autrice si augura che, mantenendo il passato vivo nella memoria, i giovani non debbano mai conoscere ciò che ha vissuto la sua generazione.

Le ordinanze anti-ebraiche stanno aumentando. La notizia che gli ebrei non possono più continuare a essere impiegati nel servizio statale ha portato grande scompiglio nelle famiglie ebraiche. Ormai nessun ariano (una parola prima sconosciuta) può più nemmeno dar lavoro a un ebreo, a un non ariano. Arrivano a raffica, ormai, un’ordinanza dietro l’altra. Uno quasi non sa più cosa può fare e cosa non può fare. È proibito frequentare caffè, cinematografi, teatri, parchi giochi, giardini pubblici…sono talmente tante le cose che non riesco neanche più a ricordarmele tutte.

Tra l’altro è arrivata anche un’ordinanza che mi ha toccato moltissimo: l’esclusione della gioventù ebraica dalle scuole pubbliche. Quando l’ho saputo ero disperata. Dopo queste vacanze sarei dovuta andare in quinta elementare. Mi piace andare a scuola e il pensiero che forse non potrò più sedere al banco tra i miei compagni di classe mi riempie gli occhi di lacrime.

Si tratta di un brano tratto da una pagina del “Diario di Helga”, scritta nel marzo 1939. Ho tolto il libro dalla pellicola di protezione nella quale, ormai da tempo, sostava su uno scaffale. Ho scoperto oltre alle foto scattate in quegli anni a Praga e nel campo di Terezín, e ai bellisssimi disegni della piccola Helga, un racconto agile e vivace, fatto da una bambina intelligente (e una ragazza sino ai suoi 16 anni) attenta a tutto ciò che le sta accadendo intorno.

WP_20160413_001

Lista dei beni posseduti (7 gennaio 1943). Prima di essere deportati, gli ebrei dovevano presentare un elenco degli oggetti di loro proprietà. Questo disegno mostra mia madre che conta i capi di biancheria nella cassettiera, mentre mio padre ne annota la quantità.

+++++++++++++++

Helga Weiss, Il diario di Helga. La testimonianza di una ragazza nei campi di Terezín  e di Auschwitz

Il diario di Helga

Informazioni su Velia Loresi

I love Israel
Questa voce è stata pubblicata in HELGA WEISS, Il diario di Helga. La testimonianza di una ragazza nei campi di Terezín e Auschwitz. Contrassegna il permalink.