L’ ebraismo sefardita

 In modo semplicistico parliamo spesso di ebraismo sefardita come se a questo termine corrispondesse un’univoca definizione. Usiamo il medesimo vocabolo per indicare sia gli ebrei di origine iberica, sia quelli provenienti dai paesi musulmani, i cui antenati non hanno mai messo piede sul suolo iberico.
Anche all’ interno del mondo sefardita “autentico” va fatta un’ ulteriore distinzione tra i vetero-sefarditi, cioè quegli ebrei spagnoli che lasciarono la penisola non oltre il 1492 (rifiutando la conversione al cristianesimo) e i cosiddetti portoghesi (a loro volta comprendenti sia gli ebrei portoghesi di antica data sia quegli ebrei spagnoli che si rifugiarono in Portogallo nel 1492 per sfuggire alla conversione) tutti convertiti a forza nel 1497, senza possibilità di fuga, dal re del Portogallo.

Menasseh ben IsraelElia Boccara studia in maniera approfondita la presenza degli ebrei portoghesi nelle terre di libertà esaminando le opere di autori che hanno affrontato prima di lui l’argomento. Rivive nelle pagine de “L ’invenzione marrana” la vita degli ebrei portoghesi installatisi ad Amsterdam verso la fine del XVI secolo. Si tratta di persone orgogliosissime delle proprie origini, in possesso di una doppia identità: portoghesi per la nazione di origine, ebrei per la religione.
Tra i più illustri rappresentanti dei portoghesi di Amsterdam si annovera, assieme al filosofo Spinoza, Menasseh ben Israel, erudito, tornato all’ ebraismo, per tutta la vita sensibile alle sofferenze dei suoi confratelli perseguitati in altre regioni d’Europa. E’ in questo periodo che si diffonde in tutti i paesi l’attesa di un messia che dovrebbe avvenire dopo la dispersione totale del popolo d’Israele. Menasseh raccoglie la testimonianza di un altro marrano che racconta di aver scoperto nella Nueva Granada, l’attuale Colombia, la presenza di discendenti di un’antica tribù perduta di Israele.

Menasseh-Ben-Israel-ritratto-da-Rembrandt-1636Menasseh ben Israel ritratto da Rembrandt nel 1642

Con la sua opera, La esperança de Israel, Menasseh mira a convincere Cromwell e la classe dirigente inglese a riammettere gli ebrei in Inghilterra, creando così un’atmosfera favorevole che permetterà ai cripto-ebrei di Londra di svelare la propria identità.

+++++++++++++

Elia Boccara, L’invenzione marrana. Ricostruzione dell’anima in un’alba di modernità

L'invenzione marrana

Informazioni su Velia Loresi

I love Israel
Questa voce è stata pubblicata in ELIA BOCCARA, L'invenzione marrana. Ricostruzione dell'anima in un'alba di modernità. Contrassegna il permalink.