Simbolo della resistenza

Il “ghetto” è uno dei luoghi della memoria degli ebrei, che della memoria hanno fatto il riferimento della propria storia e la forza della propria identità. Il recinto, pur ricordando la cattività e l’oppressione, rimane un elemento da fuggire e insieme il simbolo della resistenza alla pressione esterna alla Comunità, spesso violenta, dalla quale gli ebrei hanno tratto ancora la forza di tramandare i valori del vivere ebraico, ad iniziare dal rispetto della vita e della dignità umane.
Tratto da “Il luogo della memoria” di Elio Toaff, prefazione al libro “Il ghetto racconta Roma” di Luca Fiorentino.

Il Portico d’ Ottavia si erge con tutta la sua forza simbolica al centro di un’area che è diventata nel corso dei secoli densamente abitata (da: Il ghetto racconta Roma)

Isola Tiberina: la piena del Tevere sale vicina all’Ospedale Fatebenefratelli.

++++++

Luca Fiorentino, Il ghetto racconta Roma

The ghetto reveals Rome

Informazioni su Velia Loresi

I love Israel
Questa voce è stata pubblicata in LUCA FIORENTINO, Il ghetto racconta Roma. Contrassegna il permalink.