Per la prima volta compresi

Ho deciso che “Famiglia Novecento sarebbe stato nella mia biblioteca quando ho ascoltato lo storico Paul Ginsborg parlare, durante un’intervista alla televisione, delle tradizioni che venivano conservate nella sua famiglia di origine. Ginsborg ha insegnato all’ Università di Cambridge e, dal 1992, insegna Storia dell’Europa contemporanea all’ Università degli studi di Firenze. Tra i suoi ultimi libri,  “Salviamo l’Italia” è stato pubblicato nel 2010.

 Poi, con l’adozione della Soluzione Finale, l’ intero processo  precipitò e assunse la sua forma più terribile, Saul Friedlander ha stabilito una periodizzazione a tre stadi relativa al rapporto fra il regime nazista e gli ebrei negli anni  della guerra: il Terrore, dall’ autunno 1939 all’ estate 1941; la Strage di massa, dall’ estate 1941 all’ estate 194; la Shoà, dall’ estate 1942 alla primavera 1945. Ciò che restava degli ebrei tedeschi ma anche, in quantità ben più massicce, degli ebrei dei territori occupati, fu rastrellato e deportato nei campi di sterminio. Una dei sopravvissuti, Helen Kopmann, di Varsavia, ricorda il suo viaggio di deportazione:

In quel gelido vagone, tenni per tutta la notte il mio fratellino tra le braccia. Tutt’ intorno gente che piangeva disperata. Lo stringevo al petto; stava male, ed era immobile. A un certo punto mi accorsi che aveva smesso di respirare. Per la prima volta compresi, e mi dissi “Hitler vuol farci morire tutti. Ci vuole uccidere”

Donne ebree verso il campo di lavoro femminile, Auschwitz-Birkenau, maggio 1944 (dal libro “FamigliaNovecento” di Paul Ginsborg  

 Helen Kopmann aveva assolutamente ragione. Era stata presa in piena consapevolezza la decisione di distruggere tutti i membri delle famiglie ebree, indipendentemente dal genere o dall’ età. Nel suo discorso del 6 ottobre 1943 ai Gauleiter nazisti, Heinrich Himmler disse: (leggo le parole di Himmler in Famiglia Novecento) Ci è stata posta la domanda […] di cosa fare con le donne e i bambini. Ho deciso di optare per una soluzione  chiara anche in questa faccenda. Non ho ritenuto di avere il diritto di eliminare gli uomini –ossia di ucciderli o farli uccidere- e lasciare che i loro figli crescano per poi vendicarsi sui nostri figli o nipoti. Si è dovuta prendere la difficile decisione di fare scomparire questo popolo dalla faccia della Terra.

++++++++++

Paul Ginsborg, Famiglia Novecento, titolo originale: Family Politics

1 Famiglia Novecento

Informazioni su Velia Loresi

I love Israel
Questa voce è stata pubblicata in PAUL GINSBORG, Famiglia Novecento. Vita familiare, rivoluzione e dittature 1900-1950. Contrassegna il permalink.