Il ricordo dei morti

…sono sopravvissuto all’ olocausto e ho tentato di serbare il ricordo dei morti.

Già sfogliando le prime pagine di “ Giustizia non vendetta”, di Simone Wiesenthal, l’uomo straordinario che ha passato la seconda parte della sua vita dando la caccia ai criminali nazisti,  so che questo libro non poteva mancare in questo mio spazio. Peter Michael Lingens ha scritto la biografia di Simon Wiesenthal.

L’uomo che ha scelto Vienna come sua nuova patria è originario di Buczacz, una cittadina al margine orientale della monarchia austro-ungarica (anche la famiglia di Sigmund Freud viene di là, e la suocera di Wiesenthal era nata Freud). Mentre la maggior parte degli ebrei sono cresciuti in un ambiente non ebraico o –inversamente- in un ghetto, a Buczacz dominavano gli ebrei: a sessantamila di loro si contrapponevano soltanto duemila polacchi e un migliaio di ucraini. Questo fece nascere una diversa autoconsapevolezza: non si era, in quanto ebrei, gli ultimi (lo si era se ucraini), si era fieri della propria origine ebraica.                                                  Buczacz in Galizia

Buczacz

++++++++++++

Simon Wiesenthal, Giustizia non vendetta. 

Giustizia non vendetta 1

 

  

Buczacz in Galizia

Buczacz  (foto di Roman Zacarij)

Informazioni su Velia Loresi

I love Israel
Immagine | Questa voce è stata pubblicata in SIMON WIESENTHAL, Giustizia non vendetta. La mia vita a caccia di nazisti. Contrassegna il permalink.