È stato tutto molto piacevole

Nell’aprile 1933 Himmler ottiene la carica di comandante della polizia politica della Baviera e costruisce il primo campo di concentramento a Dachau presso Monaco.

La polizia politica, che ovunque portò presto, sul modello prussiano, il nome di Geheime Staatpolizei, era diventata –con il decreto che instaurava lo stato di eccezione, il 28 febbraio del 1933, dopo l’incendio del Reichstag- il principale organo della repressione.

Con i campi di concentramento, nei quali i detenuti erano internati senza procedura giudiziaria né l’assistenza di un avvocato, costituì un sistema di terrore che stroncò in poco tempo l’opposizione politica.

Pochi anni dopo, divenuto comandante di tutta la polizia politica tedesca, Himmler è uno degli uomini più potenti della nazione tedesca.

Nel marzo del 1938 si ha l’annessione dell’Austria; segue un acuirsi dell’antisemitismo: i negozi vengono saccheggiati, gli ebrei sono scacciati dalle loro abitazioni, i loro patrimoni depredati; infine, l’aggressione alla Cecoslovacchia.

 Il 26 ottobre Himmler decretò un divieto di soggiorno per gli ebrei polacchi e la loro uscita dal Reich tedesco entro tre giorni. Nel corso di una vasta operazione mirata, così, il 28 febbraio, la Gestapo arrestò circa diciassettemila ebrei polacchi e li trasportò alla frontiera.

Dato che la Polonia rifiutò il loro ingresso, quelli rimasero a vagare nella terra di nessuno e tra le località limitrofe, senza alcun aiuto, senza mezzi finanziari, né attrezzature sanitarie.

In un crescendo di atrocità, si giunge così alla Notte dei cristalli, 9 ottobre 1938: le vetrine vengono infrante, i negozi saccheggiati. Nei giorni successivi, trentacinquemila uomini di religione ebraica vengono arrestati e condotti nei campi di concentramento da dove verranno liberati a condizione di rinunciare a tutti i loro beni.

Foto0620

Foto dal libro Heinrich Himmler, Il diario segreto

Dal diario di Marga del 3 maggio 1938:

È stato tutto molto piacevole. È venuto il Fürer, Bamboletta (Gudrun, la figlia di Heinrich e Marga) era molto eccitata. È stato meraviglioso ritrovarsi per una volta a tavola con lui, tra pochi intimi…

++++++++++++

Heinrich Himmler, Il diario segreto attraverso le lettere alla moglie 1927-1945Il diario segreto

 

 

Informazioni su Velia Loresi

I love Israel
Questa voce è stata pubblicata in HEINRICH HIMMLER, Il diario segreto attraverso le lettere alla moglie 1927-1945. Contrassegna il permalink.