Ritenne più opportuno il silenzio

“E come i Tedeschi, anche gli Alleati erano al corrente di cosa si celava dietro i criptici messaggi dei Nazisti riguardo ai “trasferimenti verso est” dei marchiati con la stella di David.

Star of David Memorial PolandMount Herzl Memorial, Gerusalemme. Dedicato ai soldati ebrei che caddero durante la Seconda Guerra Mondiale combattendo nelle fila dell’esercito polacco.

Alcuni evasi da Auschwitz avevano informato i Governanti Alleati dell’esistenza delle camere a gas. E sui loro tavoli erano anche arrivate le foto scattate dagli aerei che ben ritraevano i crematori in funzione.

Inoltre, la Croce Rossa aveva avuto modo di visitare qualche  campo di concentramento, e sebbene i Nazisti erano alquanto abili per mettere in scena inganni di grandi proporzioni, non poteva essere sfuggito all’ occhio degli ispettori che le cose non andavano.

 La stessa Chiesa Cattolica ne era oltremodo a conoscenza. I prelati che avevano avuto il coraggio di denunciare le “sparizioni” riconducibili all’Action T4, sicuramente avevano informato il Pontefice romano dei treni stracarichi di disperati pronti a partire per l’ignoto.

 Eppure, chi poteva fare qualcosa, chi poteva se non interrompere, almeno rallentare, mettervi un argine provvisorio, denunciare l’immane eccidio…ritenne più opportuno il silenzio e il non agire. Sarebbe bastato un semplice bombardamento delle linee ferroviarie, e invece si scelse di demandare il tutto all’ invasione della Germania via terra. 

Gli Alleati, siano essi Americani, Inglesi o Russi, decisero quindi che ogni energia andava spesa per sconfiggere l’esercito tedesco. Condannando a morte, così, milioni di infelici.”

++++++

Gianmario Cabras, Breve storia dell’Olocausto. Lo sterminio degli ebrei in Europa (1933-1945)

3

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                             

 

 

 

Informazioni su Velia Loresi

I love Israel
Questa voce è stata pubblicata in GIANMARIO CABRAS, Breve storia dell'Olocausto. Lo sterminio degli ebrei in Europa (1033-1945). Contrassegna il permalink.

3 risposte a Ritenne più opportuno il silenzio

  1. Velia Loresi ha detto:

    I beg your pardon, but I cannot understand the sense of your sentence. Can you explain your words and made yourself clear? Is it possible? Thank you. Velia

  2. Velia Loresi ha detto:

    Thank you so much, I’m really happy you appreciated my blog. Velia

  3. Johnd772 ha detto:

    Say, you got a nice blog post. Really Cool. eckfggkeegck

I commenti sono chiusi.