Un modo capzioso di rileggere i fatti

Segretario della Section française de l’Internationale ouvrière, Paul Rassinier, arrestato dalla Gestapo e deportato, tornò a casa invalido.

Nelle sue numerose opere (tra le altre “ Passage de la ligne” e “Le mensonge d’Ulysse”) afferma che i sopravvissuti alla prigionia avevano esagerato nel raccontare la vita nei lager; inoltre erano stati gli ebrei, con la loro aggressività, a causare la guerra. Per Rassinier era indispensabile mettere in discussione la credibilità dei testimoni dei lager.

 …facili sofismi sostituivano alla concretezza di riscontri un capzioso modo di rileggere i fatti, orientandoli e piegando ossessivamente ogni dato che da essi emergeva verso un  unico obiettivo: liberare i nazisti dalle nefandezze di cui si erano macchiati. 

Paul Rassinier

Louis-Ferdinand Céline era addirittura entusiasta della “Mensonge d’Ulysse” che tendeva a far dubitare della ‘magica’ camera a gas.

Ciò facendo Rassinier aveva di fatto fondato il metodo negazionista, quello che si basava sulla contrapposizione autistica tra i fatti e la propria versione. Quest’ultima, che si presentava come una revisione globale del giudizio su quei tragici trascorsi, doveva letteralmente ‘ricostruire’ gli eventi, e il loro senso, in funzione di un obiettivo politico e ideologico.

Agli inizi degli anni Settanta, la casa editrice La Vieille Taupe si pone come anello di congiunzione tra il vecchio negazionismo e quello che sarebbe subentrato dopo la contestazione studentesca. Gli aderenti al gruppo riconoscono come guida Amadeo Bordiga, fondatore del partito comunista d’Italia, e ritengono per definizione iniquo, lo Stato sia in veste democratica che fascista o stalinista.

Nel 1960, un articolo sul numero 11 del “Programme communiste” tenta di fornire una lettura organicamente economicista della Shoà.

In esso si sostiene che l’ “uso “della memoria di Auschwitz e dei campi di sterminio per corroborare l’idea che l’alleanza tra democrazie liberali e Unione sovietica fosse politicamente e moralmente superiore al nazismo, costituisce un falso ideologico. In realtà l’uno e l’altra sono volti della medesima medaglia, quella capitalista.

Si afferma che gli ebrei furono deportati in quanto “classe” e non come razza, abbandonati a sé perché parte di una piccola borghesia non più utile al capitalismo.

Nel 1978 Robert Faurisson entra a far parte della Vecchia Talpa: avviene il passaggio dal negazionismo come fenomeno di nicchia ristretto in un ambito neonazista e fascista a evento mediatico.

+++++++++++

Claudio Vercelli. Il negazionismo. Storia di una menzogna 
 

Informazioni su Velia Loresi

I love Israel
Questa voce è stata pubblicata in CLAUDIO VERCELLI. Il negazionismo. Storia di una menzogna. Contrassegna il permalink.