Un po’ troppo generoso

 Il sesto giorno Dio si rivolge all’ arcangelo Gabriele.                                          “In questo giorno creerò un meraviglioso paese. Israele è il nome che gli darò. Sarà un paese santo e benedetto, una terra stillante latte e miele, e le sue bellezze saranno celebrate nel mondo.                                                                   I suoi abitanti si distingueranno per bontà, intelligenza e operosità, così che la terra che io do loro prosperi nei secoli e nei secoli. E chiamerò quel popolo ebrei”.                                                                                                          “Perdona, o Signore”, dice compunto l’arcangelo Gabriele, “non è che sei un po’ troppo generoso con questi ebrei?”.                                                                  “Può essere. Però aspetta di vedere chi gli metterò vicino, poi ne riparliamo”.

Continuando nella lettura di “Mosè ci ha portato nell’unico posto senza petrolio” di Angelo Pezzana, ci si immerge via via in un mondo parallelo, in cui l’inferno è un luogo verde e con frutteti e campi irrigati da quando sono arrivati gli israeliani, ed è fatto di fuoco e fiamme solo per i goyim che così lo vogliono, in cui il Papa e rabbi Moshe si sfidano in un esilarante certame muto (per me la barzelletta più bella in assoluto) e in cui Dio, volendo andare in vacanza, scarta la Terra perché ci sono troppi pettegolezzi a causa di una vecchia storia.

Taken by: SaReGaMa 200

+++++++++++++

Angelo Pezzana, Dio ci ha portato nell’unico posto senza petrolio

Informazioni su Velia Loresi

I love Israel
Digressione | Questa voce è stata pubblicata in ANGELO PEZZANA, Mosè ci ha portato nell'unico posto senza petrolio. Contrassegna il permalink.