Uno dei capi nazisti

 Lothar Herman, prima di trasferirsi a Coronel Suarez, ha vissuto a Buenos Aires, nel quartiere Olivos.

Olivos, Buenos Aires

Qui la figlia, una graziosa ragazza di circa vent’ anni, aveva conosciuto Nicolas Eichmann, un giovane il cui padre era stato ufficiale nell’ esercito durante la guerra. Nick non era a conoscenza delle origini  ebraiche della ragazza: parlando degli ebrei il ragazzo aveva un giorno manifestato il suo rammarico che non fossero stati tutti eliminati.

Inoltre il padre di Nick aveva una voce sgradevole e stridula, proprio come era stata descritta la voce del criminale nazista. Mettendo assieme questi ed altri indizi, Lothar Hermann aveva cominciato a sospettare sulla sua identità.

Hofstaetter appare sicuro sull’ attendibiltà delle sue osservazioni.

 “… magari era anche impulsivo e presuntuoso… ma non bisognava ignorare il fatto che aveva dimostrato una capacità di percezione molto rapida e un’intelligenza acuta nel collegare tutti i dati a proposito del giovane  e della sua famiglia.”

L’ agente Hillel Ankor viene messo a capo dell’ unità speciale che si occupa dei più importanti criminali di guerra, altri agenti in Israele sono incaricati di scoprire nuovo materiale su Eichmann.

Verso la fine del 1959 un’ ondata di antisemitismo, partendo dalla Germania dove la nuova sinagoga di Colonia viene imbrattata con scritte antisemite, si diffonde in molti paesi.

Svastiche sui muri, slogan filonazisti compaiono in tutta Europa, istituzioni e capi ebraici vengono calunniati e minacciati.

 “…il nome di Eichmann comparve qua e là sulle pagine dei giornali. Si leggeva che era uno dei capi nazisti che aveva contrabbandato all’ estero molti fondi presi dal tesoro del Terzo Reich e che era in contatto continuo con un centro europeo antisemita, di cui stava finanziando le attività.”

È necessario catturare al più presto Eichmann e bloccare così il mostruoso tentativo di far rinascere il nazismo.5 aprile 1961

 Adolf Eichmann dopo la cattura, 1961 

+++++++++++

Isser Harel, La casa di via Garibaldi. Come fu catturato Adolf Eichmann

 

 

 

 

Informazioni su Velia Loresi

I love Israel
Digressione | Questa voce è stata pubblicata in ISSER HAREL, La casa di via Garibaldi. Come ho catturato Adolf Eichmann. Contrassegna il permalink.

6 risposte a Uno dei capi nazisti

  1. Velia Loresi ha detto:

    I’m very grateful for your pleasant, encouraging words and your useful advice. Thank you!

  2. Velia Loresi ha detto:

    If you love Israel, you can continue coming in this site and reading and supporting me in my easy, agreeable ‘sweat’. Velia

  3. Smithk23 ha detto:

    Magnificent website. Lots of useful information here. Im sending it to some friends ans also sharing in delicious. And obviously, thanks for your sweat! dffeddcadfddbage

  4. Johnc147 ha detto:

    I do believe all of the ideas you’ve offered for your post. They are really convincing and will definitely work. Still, the posts are very quick for newbies. May just you please extend them a little from next time? Thank you for the post. bkcegecefakk

  5. Velia Loresi ha detto:

    Probabilmente c’è del vero in quello che lei dice, Trevorjit, e soprattutto in quello che le sue parole possono sottintendere. Velia (v. Parallelamente 3 giugno 2014)

  6. Trevorjit ha detto:

    Some wonderful photos. Remarkable colours.

    my website – http://journal-cinema.org/

I commenti sono chiusi.