Racconto dalla suspense quasi insopportabile

Ho provato a leggere in palestra, precisamente su una pedana vibrante, l’unico posto dove potessi appoggiare il libro, ma le sottolineature erano come le onde in un mare tempestoso.

Ho desistito e andrò come al solito a rilento nella lettura di ‘La casa di via Garibaldi’ causa tempo sempre tiranno.

Ma  il libro è appassionante come un thriller e rappresenta un piccolo passo in avanti nella conoscenza della realtà di Israele.

Dalla copertina:

In una casa di via Garibaldi, alla periferia di Buenos Aires, verso la fine degli anni Cinquanta abitava con la sua famiglia un grigio e stempiato signore di nome Ricardo Klement. Conduceva una vita metodica e ineccepibile: ogni sera rientrava dal lavoro col 203 delle 19,40, percorrendo a passo lento i cento metri che separavano la fermata dell’autobus dalla sua casa. Non c’ era nulla nella sua condotta che potesse dare nell’ occhio…..

Dall’ identificazione al macchinoso pedinamento, fino al rapimento e al trasporto di Eichmann travestito da membro dell’ equipaggio su un volo”diplomatico”, ‘La casa di via Garibaldi’ è un racconto dalla suspense quasi insostenibile. Un’ operazione difficilissima –vera anche se degna della fantasia di un Le Carré- freddamente raccontata come in un rapporto di servizio. Mai un thriller si è identificato, come questo resoconto, con un momento tra i più significativi della storia tragica del nostro secolo.

++++++++

Isser Harel,  La casa di via GaribaldiGGG

Isser Harel, La casa di via Garibaldi

Informazioni su Velia Loresi

I love Israel
Digressione | Questa voce è stata pubblicata in ISSER HAREL, La casa di via Garibaldi. Come ho catturato Adolf Eichmann. Contrassegna il permalink.