Siete tutti responsabili (Fritz)

Il dottor Fritz Landau abita nel quartiere popolare di Neukölln, nello stabile che appartiene a David Karnowski. La sua clientela è numerosa e nell’ androne del palazzo c’è sempre una fila di malati. Ma i suoi pazienti sono forniti di malanni e poveri di marchi.

Nello  studio del dottor Landau, su un tavolino, c’è un piatto. Dentro ci sono banconote, ma anche monetine d’argento e qualche Pfennig.

La regola è: ognuno dà quel che può. E se ha bisogno, si serve.

Neukölln  

Il più furibondo di tutti per via della guerra era il dottor Fritz Landau.

“Idioti, asini, bestie da combattimento, carne da cannone!” copriva d’insulti i battaglioni di soldati che partivano per il fronte cantando. “E cantano pure, quei bovini che i servi della corte e i leccaculo dell’ imperatore mandano al macello!”.

“Papà, calmati,” supplicava Elsa “e non parlare così apertamente davanti ai tuoi pazienti. Andranno a dirlo in giro”.

“Tanto meglio!” gridava il dottor Landau. “Che lo sappia il Kaiser in persona!”.

Nella birreria di Petersile s’ infiammava discutendo con i dirigenti del partito che si erano accodati alla maggioranza sostenendo il bilancio militare. Idioti, li chiamava, teste vuote, con la segatura al posto del cervello, e nelle vene inchiostro invece di sangue. Se avessero idea di che macchina straordinaria sia l’uomo, di quale materia pregiata sia costituito il suo corpo, con quale immensa intelligenza e razionalità sia fatto ogni organo, quale meraviglia sia un cuore umano, un cervello, un occhio, non acconsentirebbero al massacro con tanta leggerezza. Ma sono ignoranti, ottusi, non sanno e non capiscono niente di niente, a parte la loro stupida politica e l’ammirazione per corone e galloni. Per questo diventano così facilmente una banda di assassini e macellai.

Non ebbe una sola parola buona per Georg Karnowski quando questi, in uniforme, andò a congedarsi prima di partire per il fronte.

“Addio, dottor Squartabudella” borbottò furibondo, tendendogli solo la punta delle dita.

Georg tentò di calmarlo.

“Per fortuna non parto per uccidere, ma per curare, dottore. Non prendetevela con me. Non sono io il responsabile di questa guerra.”.

“Siete tutti responsabili, tutti!” sbottò il dottor Landau. “Siete diventati tutti degli imbecilli, dei macellai!”.

 +++++++++

Israel Joshua Singer, La famiglia Karnowski

Informazioni su Velia Loresi

I love Israel
Questa voce è stata pubblicata in ISRAEL JOSHUA SINGER, La famiglia Karnowski. Contrassegna il permalink.