Io sono uno di loro

François Mauriac  racconta ad un giovane giornalista di Tel Aviv di come lo abbia profondamente commosso la notizia dei bambini deportati nel 1944, durante l’occupazione nazista, da Sighet, in Transilvania, nei campi di concentramento.

 Il giornalista gli svela di essere stato tra quei bambini. Quel giovane giornalista si chiama Elie Wiesel: era stato arrestato assieme ai suoi familiari ma solo lui si è miracolosamente salvato. Mauriac lo convincerà a raccontare le sue esperienze: nasce così “La notte”.

Sighet

“…nessuna visione di quegli anni oscuri mi aveva segnato come quei vagoni riempiti di bambini ebrei alla stazione…Non li avevo tuttavia visti con i miei occhi, ma fu mia moglie che me li descrisse ancora tutta piena dell’orrore che ne aveva provato.

 Noi ignoravamo tutto allora dei metodi di sterminio nazisti. E chi avrebbe potuto immaginarli!

Ma quegli agnellini strappati alle loro madri superava già quello che avremmo creduto possibile. Quel giorno credo di aver toccato per la prima volta il mistero d’iniquità la cui rivelazione avrebbe segnato la fine di un’era e l’inizio di un’altra.

Il sogno che l’uomo occidentale ha concepito nel XVIII secolo, del quale credette veder l’aurora nel 1789, e che, fino al 2 agosto 1914, si è rafforzato col progresso dei lumi e con le scoperte della scienza, questo sogno ha finito di dissiparsi per me davanti a quei vagoni carichi di bambini.

E tuttavia ero lontano le mille miglia da pensare che andavano a rifornire le camere a gas e i crematori.

Ecco ciò che dovetti confidare a quel giornalista, e siccome sospirai: “Quante volte ho pensato a quei bambini!”, lui mi disse: “Io sono uno di loro”.

Era uno di loro!”

François Mauriac (1885-1970) è stato giornalista e romanziere. Ha ricevuto il premio Nobel per la letteratura nel 1952 con la seguente motivazione: “Per l’analisi penetrante dell’anima e l’intensità artistica con cui ha interpretato nella forma del romanzo la vita umana”.

++++++++++++                                                                                                           

Elie Wiesel, La notte (Prefazione di François Mauriac)

 

 

 

 

 

 

Informazioni su Velia Loresi

I love Israel
Questa voce è stata pubblicata in ELIE WIESEL, La notte e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.